Geburah Professional Network Sh.P.K.


Vai ai contenuti

Ambiente e Trasporti - Geburah Professional Network Sh.P.K.

AMBIENTE ED ENERGIA

Il nostro team di professionisti e collaboratori è in grado di offrire assistenza e consulenza nei settori inerenti alle fonti di gas ed energia, anche naturali, presenti in Albania, oltre che nei seguenti campi:

  • Procedure di autorizzazione degli impianti industriali
  • Valutazione di impatto ambientale, gestione dei rifiuti e bonifiche dei siti contaminati
  • Progettazione e la realizzazione di impianti di produzione di energia anche da da fonti rinnovabili
  • Disciplina dell’emissione dei gas aventi impatto e relazione con effetto serra
  • Servizi pubblici ambientali
  • Trasferimenti di aziende, di pacchetti azionari e di operazioni straordinarie coinvolgenti attività industriali ad alto impatto ambientale.
  • Strutturazione di progetti di investimento in materia di energia con riguardo a fonti tradizionali e rinnovabili e per il conseguimento delle relative autorizzazioni.

RETE STRADALE

Si è detto che la rete stradale albanese consta ad oggi di 3.719 Km. di cui 1.198 costituiscono la rete di strade principali, che il 48% delle rete stradale principale corre per tratti pianeggianti e che, la rete stradale secondaria si snoda su territorio montano per il 56%.

Corridoi Albanesi – Situazione attuale: il cosiddetto Corridoi Nazionale, che percorre la tratta Durazzo-Kukes-Morine, rappresenta un asse importante perché rappresenta, a livello regionale, un collegamento strategico col Corridoio Paneuropeo VIII, e con il Corridoio Paneuropeo X.
Il Corridoi Nazionale, per dare un’informazione completa, collega Durazzo e il suo porto a Tirana e al Kosovo

Corridoio Paneuropeo VIII: Corre lungo la linea Est/Ovest e passa attraverso Albania, Macedonia e Bulgaria: Con riferimento ai collegamenti "regionali", esso collega Durazzo, Tirana, Skopje e Sofia agli scali portuali bulgari di Varna e Burgas, sul Mar Nero.

Corridoio Sud/Nord: Collega il Montenegro con la Grecia; parte dall’ultima città albanese a nord, Hani i Hotit, segundo il seguente itinerario: Scutari – Lezha – Milot – Thumane – Rrogozhine – Fier – Levan – Tepelene – Argirocastro – Valona – Orikum – Saranda – Konispol – Confine di Stato con la Grecia.

Progetti e opportunità legati alla rete stradale: Investimenti previsti per la tratta Milon – Rreshen – Morine per circa 60/90 milioni di €; ampliamento dell’autostrada (già a 4 corsie e completa dei servizi logistici necessari), Durazzo – Tirana per un intervento stimato di circa 100/120 milioni di €.

Progetto "Strada Arberi": La priorità è rappresentata dalla necessità della creazione di un distema di trasporti "sostenibile", che presenti un alto profilo di sicurezza, che sia rispettoso dell’a,niente e sia integrato tanto a livello regionale che europeo. Completa il quadro, la necessità che esso sia accessibile a tutti al fine di favorire la crescita economica e aumentare gli standard di qualità della vita dei cittadini. Obiettivo del progetto è ridurre la distanza tra l scalo portuale di Durazzo con il confine macedone; la Strada Arberi, infatti, collegherà Tirana ai confini con la Macedonia coon un risparmio di circa 100 Km.

Asse Sud/Nord dell’Albania: E’ una delle arterie principali dell’Albania, grazie alla sua capacità di raggiungere l’80% dell’abitato e il 90% delle attività produttive (agricole e industriali), della costiera. Il potenziamento della rete attuale rientra nel progetto "Blu-Highway Concept", ed ha per riferimento l’asse nord/sud coon una lunghezza di circa 350 Km ed è parte integrante dell’Autstrada dell’Adriatico che, con i suoi 1.500 Km, collega Trieste a Kalamata.

TRASPORTO MARITTIMO
I principali porti albanesi sono Durazzo, Valona, Saranda e Shengjin.

Il porto di Durazzo è attualmente il più grande e importante dell’Albania. Moderno e razionale, è il principale "cancello" (gate) del Corridoio VIII; è capace di supportare un traffico merci di 4 milioni di tonnellate annue di merci e copre oltre l’80% dei trasporti marittimi in generale del Paese.

Il porto di Valona è il secondo scalo portuale albanese. Esso è adibito a trasporto passeggeri.

Il porto Petrolifero si trova nella baia di Valona ed è lo scalo terminal per il traffico di petrolio, suoi derivati e gas naturali (metano, GPL). È riconosciuto come Gate del Corridoio VIII e, la sua posizione vicina alle raffinerie italiane e greche lo rende estremamente strategico.

Porto Romano si trova a poco più di 6 km a nord di Durazzo. Tale struttura viene utilizzata per lo stoccaggio di gas, petrolio e loro derivati e, di GPL.

Progetti
Ampliamento e potenziamento del porto di Valona. Costruzione, per il porto di Shengjin di banchine, molo, porto turistico, installazione di macchinari ecc. al fine di realizzare una pianificazione ad alta redditività futura riguardanti le attività di pesca, trasporto passeggeri e stivatura.

TRASPORTO AEREO

Il moderno Aeroporto Internazionale "Madre Teresa di Calcutta", posto a metà strada tra Tirana e Durazzo, è oggi l’unico aeroporto operativo in Albania.
Dati statistici 2012: passeggeri: = 1.665.331; merci transitate = 1.866 tonnellate; voli di linea effettuati 18.832; voli charter: 1576.
Lunghezza della pista di atterraggio: 1.800 m.
Larghezza della pista: 36 m.

Aeroporti secondari: Sono utilizzati per atterraggi di emergenza gli aeroporti di Kukes e Saranda.

Progetti: Realizzazione dell’Aeroporto Turistico del Sud di Saranda/Argirocastro.

TRASPORTO FERROVIARIO

Attualmente la rete ferroviaria albanese consta di 441 Km di strada ferrata. Tale rete è stata costruita a partire dal 1946 al 1986 con l scopo precipuo di servire l’industria domestica.
Essa collega Durazzo con le aree industriali e minerarie.
È nelle intenzioni delle autorità governative potenziare e ammodernare la rete ferroviaria nazionale e, in coerenza con ciò, nel 2006 è stato firmato l’Accordo di Stabilizzazione e Associazione con l’Unione Europea e, nell’ambito di tale accordo, la ferrovia albanese è stata ristrutturata secondo i principi comunitari.

L’utilizzo di treni per il trasporto merci è in crescita, grazie anche al rafforzamento e potenziamento dei collegamenti col Montenegro, iniziati nel 1986 e, la cui infrastruttura è stata potenziata e ammodernata nel 2003, per favorirne l’integrazione con la rete europea.

Il rafforzamento della rete ferroviaria albanese e la sua integrazione alla rete regionale balcanica ed europea, costituisce una delle priorità di lungo periodo del Governo albanese.


Torna ai contenuti | Torna al menu